• logo_ pes 1
  • logo_ cag 1
  • logo_pes2
  • logo_ cag2
  • logo_pes3
  • logo_cag3
  • logo_pes4
  • logo_ cag4
  • logo_pes5
  • logo_cag5
  • logo_pes6
  • logo_cag6
  • logo_pes7
  • logo_cag7

Menu Principale

 praying man

getmedia

 

NOTIZIE           gif-animata-oggetti-giornali 56776

good-news

Risorse

Contatore Visite

Oggi4
Ieri11
Settimana107
Mese286
Tutti164814

Natale, santo business?

natale


Com’è nata la festa del Natale? Con lo scopo di contrapporre una celebrazione <cristiana> a quelle pagane. Il 17 Dicembre si celebravano i Saturnali, mentre il 25 Dicembre era molto sentita la celebrazione del "Dies natalis Solis invicti", festa istituita dall'Imperatore Aureliano nel 274 d.C. Sempre nella stessa data i fedeli del dio Mitra celebravano la festa del loro dio, nato dalla pietra e portatore della nuova luce: "Genitor luminis". La sera del 24 Dicembre i mitraisti e molti altri che li imitavano, accendevano dei fuochi per aiutare il sole a salire più in alto sopra l'orizzonte. L'unione del culto ufficiale del "Sol Invictus" con la religione mitraica era molto importante nell'ambito dell'aristocrazia romana. Costantino primo Imperatore <cristiano>, in un intento tanto politico che religioso, volle realizzare una sorta di simbiosi fra il culto ufficiale del Sole, in cui era stato allevato e da cui si diceva protetto, e il culto del dio Mitra. E' sotto il suo regno che appare la festa del Natale. Così la festa del Natale raggiunse,

Register to read more...

Egli renderà i miei piedi come quelli delle cerve

cerve

 

Sia ringraziato il Signore che ci concede un altro nuovo anno di vita che Egli aggiunge ai nostri giorni  scritti nei suoi libri, “Se i suoi giorni sono fissati, e il numero dei suoi mesi dipende da te, e tu gli hai posto un termine che egli non può varcare” (Giobbe 15:5 ); possa darci il Signore il proposito che si trovò in Mosè: “Insegnaci dunque a contar bene i nostri giorni, per acquistare un cuore saggio” (Salmo 90:12).  Il vecchio 2011 se n’è andato, ormai è alle spalle, gli abbiamo fatto il funerale con le sue gioie e dolori, del resto come tutti gli anni.  Buon 2012! E’ la frase che è stata spesa maggiormente in questi primi giorni di gennaio 2012, molti sono  gli auguri che ci siamo scambiati e che abbiamo sentito scambiarsi come un disco che si è incantato, certo è piacevole dare il buon anno come anche riceverlo, tanto più nei tempi che tutti noi stiamo attraversando, tempi davvero difficili caratterizzati da una crisi mondiale sotto tutti gli aspetti , morale, famigliare, sociale, politica, economica e spirituale (2Timoteo 3:1/4). Ma noi crediamo che una soluzione nel poter vivere e muoverci in questi tempi  la possiamo trovare nel Signore “Difatti, in lui viviamo, ci muoviamo, e siamo…” (Atti 17:28). Prenderemo in esame un versetto della parola di Dio molto significativo che credo debba aiutarci ad avere una maggior fiducia nel Signore, in colui che vive nell’Eternità ma che tiene e si interessa delle sorti della nostra temporalità, di ciò che ci è contingente. Egli non permetterà che i suoi figli vivano da sprovveduti, disarmati, senza mezzi per affrontare le situazioni più disparate che i tempi, i momenti, la vita possa presentarci, come sicuramente anche questo nuovo anno che porterà con sé gioie e dolori. Così scrive il profeta Abacuc: “Dio, il Signore, è la mia forza; egli renderà i miei piedi come quelli delle cerve e mi farà camminare sulle alture” (Abacuc 3:19.) Molti sono i messaggi  negativi che si stanno spalmando su tutti i giornali, quotidiani, mezzi d’informazione,  di conseguenza le nostre menti ne vengono influenzate,  in particolare sull’economia, sulla crisi economica, sulla crisi Europea dell’Euro, crisi che sta rimbalzando su tutti noi nessuno escluso, su semplici cittadini, operai che hanno perso il loro lavoro, pensionati  che già facevano fatica ad arrivare fine mese, l’inflazione si abbatte come una scure impietosa, mutui con case da finire di pagare o nelle peggiori delle ipotesi ipotecate per poi essere confiscate dalle banche, sfratti per famiglie già disagiate, problemi di cibo, far fronte agli affitti, i figli , la scuola, le rette da pagare, come la stessa chiesa, con la sua cassa che piange, non né è esclusa,  ecc…  Il bollettino è veramente un bollettino di guerra eppure siamo nel 2012, l’era del progresso, della tecnologia, dei viaggi, dell’emancipazione, ma sembra che tutto questo progresso, emancipazione,  su tante sfere ancora deve essere veramente raggiunto, e chi sa se c’è qualcuno che sta tirando le redini del gioco in tutto questo? Speculatori, massoneria, illuminati ecc…? Ma il messaggio che vogliamo fare nostro e darvi è questo: “Egli renderà i miei piedi come quelli delle cerve e mi farà camminare sulle alture”, come nell’immagine che apre questo articolo, vediamo degli stambecchi di montagna (Capra ibex) che scalano una parete quasi verticale di 90° e alta 49 metri, un qualcosa che ha dell’incredibile, da fare invidia a qualsiasi circense o astronauta, eppure quelle capre riescono a stare in piedi su quella parete artificiale senza sfracellarsi, sfidando la stessa forza di gravità; è incredibile, anche i loro cuccioli li seguono nell’impresa, pare che siano attirati dal sale che fuoriesce dalla  parete della diga sulla roccia. Proprio così, gli stambecchi vanno a leccare il sale nelle incrostazioni del cemento sulla parete della diga del Cingino, nella valle Antrona (Piemonte) a più di 2000 metri di altezza, così che assumendo quel sale gli stambecchi integrano la loro dieta alimentare. Sì, il Signore ha equipaggiato questi animali per compiere delle imprese, aderiscono alla parete così incredibile aiutati dai loro zoccoli larghi ed elastici, che fanno presa come una tenaglia nella fessura della roccia evitando così pericolose cadute, rimanendo quasi incollati alla parete camminando e scalando come se stessero facendo una qualsiasi  passeggiata  spensierata.  A Dio la Gloria che sa prendersi lode anche da queste capre selvatiche, ma se Dio ha equipaggiato questi animali selvatici con questi  mezzi, con queste armi, come noi non potremmo dire insieme ad Abacuc “…Mi farà camminare sulle alture”(Abacuc 3:19) o insieme a Davide “…Mi rende saldo sulle mie montagne”(2Samuele 2:34); “…Con il mio Dio salgo sulle mura…mi rende saldo sulle mie alture” (Salmo 18:29,33),  come noi non dovremmo avere fiducia nella provvidenza divina, nelle forze  e nell’ equipaggiamento che certamente il Signore Gesù ci donerà?  Egli non lascerà sfornito il suo popolo e chiunque con cuore sincero confida il Lui! La Bibbia dice che noi valiamo più degli animali o dei fiori dei campi (Matteo 6:25/30). Come non dovremmo avere fiducia nel Signore e dare a Lui la gloria quando attraverseremo o scaleremo le nostre alture, sia che siano alture di benedizioni da farci girare la testa con il rischio di inorgoglirci e cadere, ”Perciò, chi pensa di stare in piedi, guardi di non cadere” (1Corinzi 10:12), sia che siano alture di difficoltà come delle montagne  che siamo chiamati a scalare, o come delle pareti che sembrano impossibili da affrontare? Questo è quello che vogliamo ricordare in questo anno, avere piena fiducia nel Signore Cristo Gesù e confidare nei mezzi che certamente la grazia divina ci provvederà, anche nell’affrontare questo anno nuovo; ” Ho udito e le mie viscere fremono…Infatti il fico non fiorirà, non ci sarà più frutto nelle vigne; il prodotto dell’ulivo verrà meno, i campi non daranno più cibo, le greggi verranno a mancare negli ovili, e non ci saranno più buoi nelle stalle; ma io mi rallegrerò nel Signore, esulterò nel Dio della mia salvezza. Dio, il Signore, è la mia forza; egli renderà i miei piedi come quelli delle cerve e mi farà camminare sulle alture…” (Abacuc 3:16/19). Che possa essere un anno ricco di esperienza e di benedizioni spirituali alla gloria di Dio Padre, Dio Figlio, Dio Spirito Santo, Dio trino unico Dio.                            

 

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                              O.E

 

 

 

 

 

 

Pietra d'intoppo

pietra

 

 

Nella cronaca di tutti i giornali nazionali ed internazionali la notizia del naufragio della Costa Crociere Concordia avvenuto il venerdì  del  13 Gennaio alle ore 21.40, ha dilagato tra l’opinione pubblica di tutto il mondo, visto anche la dinamica dell’incidente con le varie corresponsabilità avvenuto a soli 150 metri dalla spiaggia dell’isola del Giglio, ed ha costato la vita a 32 persone tra ritrovati cadaveri  e dispersi. Non è escluso, tuttavia, che le vittime siano molte di più; la presenza di persone a bordo non registrate e quella di eventuali clandestini, fanno presagire un bilancio ben più grave. Il dramma avrebbe potuto essere di dimensioni ben più maggiori visto le circa 4232 persone a bordo tra membri dell’equipaggio e passeggeri, ma grazie a Dio solo per un miracolo in tantissimi hanno potuto mettersi in salvo. E’ con grande rispetto che affronto questo argomento, ma credo degno di nota anche per noi credenti che attraverso questa tragedia dobbiamo sicuramente riflettere e  attingere insegnamenti importanti .

Register to read more...

LA PASQUA CRISTIANA

 

pasqua

 

 

E’ bene specificare, riguardo il periodo ed i tempi che stiamo vivendo, cosa veramente sia la Pasqua, la vera Pasqua Cristiana, con la C maiuscola. La Pasqua Cristiana non è un giorno del calendario, una ricorrenza religiosa, una festa comandata, un rito annuale o delle tavole imbandite con arrosti e grigliate di agnello, e ogni tipo di dolci, uova di cioccolato, coniglietti di cioccolato o torte salate.

La Pasqua Cristiana è Cristo Gesù stesso, come l’apostolo Paolo disse ai credenti di Corinto:"Poichè la nostra Pasqua, cioè Cristo, è stata immolata per noi. (1Corinzi 5:7)

Register to read more...

BASSE TEMPERATURE

bassetemperature
                                              

Credo che saranno in molti a riconoscere il tipo di fungo ipogeo (corpo fruttifero che nasce e si sviluppa sempre sotto terra) rappresentato nella foto di questo articolo, si tratta del rinomato Tartufo Bianco Pregiato (Tuber Magnatum Pico) detto “Tartufo bianco pregiato del Piemonte”, “Trifola bianca”, “Tartufo bianco d’Alba” o di Aqualagna”, “Rapone”; raggiunge le maggiori dimensioni tra i tartufi commestibili,ragion per cui in Italia c’è una vera è propria caccia all’oro, e credo che il paragone non sia esagerato, visto ogni anno qual è il costo al Kilogrammo sul mercato di questo tubero. Ma pochi sanno o sono a conoscenza quale siano l’ambiente e le temperature ottimali  per questo prezioso frutto della terra affinché si sviluppi ed abbia un buon ciclo di fruttificazione. Vale la pena considerare questo fungo e parlarne riguardo le sue caratteristiche organolettiche, in particolare parleremo della temperatura ottimale per la maturazione di questo tartufo. Il tartufo bianco pregiato cresce nei terreni umidi specie lungo i fossi dove ha  il suo habitat più congeniale, e i tartufai ben sanno questo, ma per una maturazione ottimale e per raggiungere le sue qualità organolettiche migliori il tartufo bianco pregiato richiede basse temperature (specie microterme);normalmente il suo ciclo di fruttificazione raggiunge le punte più elevate quando la temperatura media è al di sotto dei 10° gradi centigradi.

Register to read more...

Subcategories

rif

 

"Benedetto sia il Dio e Padre del nostro Signore Gesú Cristo, che nella sua grande misericordia ci ha fatti rinascere a una speranza viva mediante la risurrezione di Gesú Cristo dai morti, per una eredità incorruttibile, senza macchia e inalterabile. Essa è conservata in cielo per voi, che dalla potenza di Dio siete custoditi mediante la fede, per la salvezza che sta per essere rivelata negli ultimi tempi. Perciò voi esultate anche se ora, per breve tempo, è necessario che siate afflitti da svariate prove, affinché la vostra fede, che viene messa alla prova, che è ben piú preziosa dell'oro che perisce, e tuttavia è provato con il fuoco, sia motivo di lode, di gloria e di onore al momento della manifestazione di Gesú Cristo. Benché non l'abbiate visto, voi lo amate; credendo in lui, benché ora non lo vediate, voi esultate di gioia ineffabile e gloriosa, ottenendo il fine della fede: la salvezza delle anime."

1Pietro 1:3-9

   modulo via

Perle di Saggezza

Chi si abitua alla fede ci crede, e non può più non temere l'inferno, e non teme altra cosa."

                                                          Blaise Pascal  

 

 

                                               calendario

                                                  Riflessioni dal Calendarietto

Rifletti con un'immagine