• logo_ pes 1
  • logo_ cag 1
  • logo_pes2
  • logo_ cag2
  • logo_pes3
  • logo_cag3
  • logo_pes4
  • logo_ cag4
  • logo_pes5
  • logo_cag5
  • logo_pes6
  • logo_cag6
  • logo_pes7
  • logo_cag7

Martuccio Michele

 

michele

 

Mi presento, mi chiamo Martuccio Michele ho 62 anni vivo a Pesaro e gestisco un ristorante pizzeria da 33 anni, sono sposato e ho due figli. Ero uno di quelli che all'apparenza non gli mancava nulla, ma così non era, e come ero solito fare da tanti anni dopo aver chiuso il mio locale dietro una lunga giornata di lavoro, tutte le notti andavo girando per la città e mi fermavo spesso nei bar a bere e fumare, poichè questo, dicevo, che mi rilassava, ma non era vero. Una di quelle notti, precisamente era il mese di giugno del 1996 mentre andavo nei soliti bar per bere le solite birre e fumare, ecco che in quella sera mi si avvicina un giovane che mi dice, conosci Gesù? Devo dire che era una domanda al quale avrei voluto rispondere si! Ma non lo conoscevo. Questo ragazzo inizia a parlarmi di peccato, di perdono, di salvezza e io lo lasciavo parlare, dopo una bella chiacchierata ci siamo salutati. Arrivata l'ora di incamminarmi verso casa me ne andai, ma strada facendo il nome di Gesù mi tornava del continuo nella mia mente, andai a dormire e mi alzai il mattino e il nome di Gesù era nei miei pensieri, da quel giorno sono passati 13 anni e il nome di Gesù è rimasto dentro di me, non passa giorno che non pensi a Lui. Successivamente conobbi un credente di Smirra di Cagli che mi raccontò cosa Gesù aveva fatto per la sua vita, invitandomi a leggere la Bibbia e così ricordo che uno dei primi versi che ho letto era in Osea 4:6 “Il mio popolo perisce per mancanza di conoscenza” e ancora un altro versetto che mi tocco in Geremia 33:3 “Invocami, e io ti risponderò, ti annunzierò cose grandi e imperscrutabili che tu non conosci”. Di lì in poi mi sono arreso a Gesù, confessando ogni mio peccato e mettendo Gesù al primo posto nella mia vita, così ho cominciato a sperimentare il suo amore che mi liberò dal vizio del fumo e dall' abusare nel bere e da tante altre cose che sembravano da nulla, solo adesso posso dire che ero schiavo del peccato e Gesù mi ha liberato. Certo il cammino è stato progressivo, ho avuto tante cadute ma Lui era li sempre a tirarmi su, vicino a me il Signore ha messo dei fratelli e sorelle che hanno pregato per me ed esortato ad aver sempre fede in Dio, e così oggi continuo a servire il Signore nella comunità di Pesaro insieme ad un gruppo meraviglioso di fratelli e sorelle anche di altre nazioni, e le benedizioni del Signore si susseguono giorno dopo giorno. Il 25 febbraio 2009 in una riunione settimanale di preghiera il Signore mi ha battezzato nello Spirito Santo, è stata una esperienza così forte da portarmi ad adorare il Signore in un modo nuovo come non mai, così coinvolgendo tutti i preseti nella benedizione. Questa testimonianza viene dal cuore, è ciò che realmente Gesù ha fatto per me, ho dato a Gesù il mio cuore e tu che stai leggendo ti invito a donargli il tuo cuore, Gesù non ti deluderà, egli sarà pronto a salvarti e donarti tutto il suo amore, Egli è fedele e misericordioso, a Dio sia la lode e la gloria.

 

Michele Martuccio

rif

 

"Ma voi, carissimi, non dimenticate quest'unica cosa: per il Signore un giorno è come mille anni, e mille anni sono come un giorno."

2Pietro 3:8

   modulo via

Perle di Saggezza

Non puoi impossessarti della salvezza per Grazia tramite qualsiasi mezzo che non sia la fede. Questo carbone ardente tolto dall'altare necessita delle molle d'oro della fede con cui portarlo."

                                                          Charles H. Spurgeon  

 

 

                                               calendario

                                                  Riflessioni dal Calendarietto

Rifletti con un'immagine