• logo_ pes 1
  • logo_ cag 1
  • logo_pes2
  • logo_ cag2
  • logo_pes3
  • logo_cag3
  • logo_pes4
  • logo_ cag4
  • logo_pes5
  • logo_cag5
  • logo_pes6
  • logo_cag6
  • logo_pes7
  • logo_cag7

Studi e Riflessioni - LA FEDE HA MANI E PIEDI

 

Gionatan salì, arrampicandosi con le mani e con i piedi...”(1 Samuele 14:13). Spesso il popolo di Dio prega per poter crescere nella fede, desiderando aggiungere qualche cubito alla propria statura spirituale di fede. In questo articolo proveremo a descrivere cosa si intende avere fede, nei diversi aspetti. Sì,“la fede ha mani e piedi”, questo a significare che, spesso, la vera statura spirituale si misura da come stiamo usando le nostre mani e i nostri piedi. Può essere singolare quello che sto per descrivere ma vediamo assieme di portarci sul testo: Gionatan salì...Salire!... Questa parola indica necessariamente un'azione che Gionatan compie con mani e piedi, “Gionatan salì, arrampicandosi con le mani e con i piedi”... contro il popolo filisteo, con una fede corroborata dalla promessa che Dio gli fece, vedi 1Samuele 14:6/15. Nel mio modo di pensare, questo slancio, prestanza, assomiglia molto a ciò che l'apostolo Paolo scrive alla chiesa di Filippi : “...ma una cosa faccio: dimenticando le cose che stanno dietro e protendendomi verso quelleche stanno davanti, corro verso la meta per ottenere il premio della celeste vocazione di Dio in Cristo Gesù”(Filippesi 3:13/14),

“protendersi-correre” indicano un dinamismo, uno sforzo (parafrasando, arrampicandosi con manie piedi) un tendere avanti con una certa intensità, un forte desiderio affinchè abbandoniamo tutto quello che tende a rilassarci. Desidero fare chiarezza su questo argomento, poichè a volte si ha un concetto sbagliato sulla fede, fede non è un sentimento che oggi abbiamo e domani no, non è una convinzione mentale che si appoggia sulla nostra razionalità, è sì un dono di Dio, un frutto dello spirito, ma che si manifesta con un'azione sulla base di promesse fatte dalla Parola di Dio. Tutti i grandi uomini e donne di fede sono stati e sono uomini e donne di azione, che lavorano nel campo del Signore con mani e piedi, lavoratori infaticabili poichè la vera fede dàla Visione, ci porta a lavorare e ad agire con la speranza del raccolto di un frutto. Diversamente non è vera fede! “Così è della fede; senon ha opere, è per sé stessa morta”( Giacomo 2:17 ). Gesù nella sua opera fu un “uomo” d'azione infaticabile; in Atti degli Apostoli sta scritto che Egli “...e com'egli è andato dappertutto facendo del bene...”(Atti 10:38);nel vangelo diGiovanni: “...il Padre mio opera fino ad ora, e anch'io opero”(Giovanni 5:17), stava dicendo “io lavoro sempre!” Gloria a Dio! Egli non fu una statua immobile, le sue mani i suoi piedi operavano del continuo (egli si arrampicava del continuo) non voleva venire meno alle Sue responsabilità Spirituali. Spesso si trova del tempo per ogni occupazione secolare prestando le nostre mani e piedi, ma non lo si trova o se ne cerca poco per l'AVANZAMENTO DEL SUO REGNO SULLA TERRA!

Signore perdonaci! Che dire di Zaccheo che, come Gionatan, usò mani e piedi arrampicandosi su un sicomoro per vedere Gesù. La fede non si ferma, ma ha inventiva, si muove, sa creare , ha la Visione, arriva avedere Gesù anche di fronte alle difficoltà. Così come possiamo parlare di quei quattro uomini che trasportavano un paralitico, vedi in Marco cp. 2:3/5 , la loro fede dimostra di avere mani e piedi “Non potendo farlo giungere a lui a causa della folla, scoperchiarono il tetto dalla parte dov'era Gesù; e fattovi un'apertura, calarono il lettuccio sul quale giaceva il paralitico. Gesù veduta la loro fede, disse al paralitico: <<figliolo i tuoi peccati ti sono perdonati>>.” Avere fede non intende necessariamente attendere che Dio elargisca le Sue promesse , ma proprio perchè sono tali siamo chiamati ad afferrarle con mani e piedi, ovvero dimostrando il grande desiderio ed interesse per esse nel cercare con fede di afferrarle, allora il Signore sarà pronto a donarle.

Il 17 Marzo 2009 la Missione di Pesaro si è costituita Chiesa ADI, e devo dire che l’ impegno con mani e piedi c’è stato, insieme alla mia famiglia, ai fratelli e sorelle della chiesa; ciò non intende che a volte anche le nostre mani e piedi siano venuti meno, ma Dio è stato sovrano, e come ho già detto è stata la vittoria del Signore e di quanti sono rimasti fermi con fede usando mani e piedi. Fratelli se continuiamo a lavorare con impegno, sforzo, con fede e grinta spirituale, Dio continuerà a benedire la Sua chiesa, certo abbiamo a che fare con un nemico dichiarato che vorrebbe inchiodare mani e piedi del popolo di Dio come ha fatto con Cristo sulla croce, vorrebbe inchiodare la nostra fede, fermarci, impedirci di continuare a fare del bene a tutti, per la gloria del Signore. Rimaniamo fermi! E nei momenti difficili gridiamo a Lui ed Egli per la sua vittoria ci renderà vittoriosi, poiché le Sue mani e piedi forati non sono più inchiodati alla croce, Egli è risorto e continua a lavorare per la Sua chiesa, per ognuno di noi, “Perciò egli può salvare perfettamente (appieno) quelli che per mezzo di lui si avvicinano a Dio, dal momento che egli vive per sempre per intercedere per loro”(Ebrei 7:25).

Or senza fede è impossibile piacergli; poiché chi si accosta a Dio deve credere che egli è, e che ricompensa tutti quelli che lo cercano” (Ebrei 11:6), questo intende che il Signore remunererà, cioè ricompenserà tutti coloro che lo cercano con sforzo. A Dio sia la Gloria!

 

O.E

 

 

rif

 

"Ma voi, carissimi, non dimenticate quest'unica cosa: per il Signore un giorno è come mille anni, e mille anni sono come un giorno."

2Pietro 3:8

   modulo via

Perle di Saggezza

Non puoi impossessarti della salvezza per Grazia tramite qualsiasi mezzo che non sia la fede. Questo carbone ardente tolto dall'altare necessita delle molle d'oro della fede con cui portarlo."

                                                          Charles H. Spurgeon  

 

 

                                               calendario

                                                  Riflessioni dal Calendarietto

Rifletti con un'immagine