• logo_ pes 1
  • logo_ cag 1
  • logo_pes2
  • logo_ cag2
  • logo_pes3
  • logo_cag3
  • logo_pes4
  • logo_ cag4
  • logo_pes5
  • logo_cag5
  • logo_pes6
  • logo_cag6
  • logo_pes7
  • logo_cag7

La vita senza Dio non ha senso

neto

 

 

 

 LA VITA SENZA DIO E' SENZA SENSO

 

 

 

 

La vita senza Dio è senza senso. Questa la frase che ha pronunciato il calciatore brasiliano Hermito Helio Neto, sopravvissuto al disastro aereo che ha coinvolto la squadra Chapecoense. Lui si sente restituito alla chiesa e ha testimoniato di come Dio ha compiuto il miracolo per tenerlo in vita, anche i medici dicevano che non c’era speranza di tenerlo in vita.

Hermito Helio Neto, meglio noto come "Net", ha partecipato al culto della Chiesa Battista centrale nella città di Chapecó e ha condiviso la sua tragica esperienza nel sinistro e la sua fede in Gesù in attesa dei soccorsi. "Il culto era già cominciato quando è arrivato. L’ho invitato a farsi avanti e a condividere la sua testimonianza", ha detto il pastore Eli.

Durante il suo discorso, Neto ha ringraziato delle preghiere e di come Dio ha fatto un miracolo nella sua vita. "Il ragazzo che mi ha salvato dopo otto ore di sofferenza, ha detto che quando mi ha portato  nell’ambulanza, il medico disse che non avevo speranza di vita e che rischiavo di morire presto. Ma Dio ha fatto tutto il suo lavoro come fa sempre ", ha detto.

 

"Se Dio mi ha permesso di rimanere in vita per 8 ore con i polmoni perforati, esposto a soffrire di una polmonite con il freddo a 2 gradi sotto zero, è perché Dio voleva permettermi di essere qui oggi. Dio è stato fedele a me, come lo è con tutti. Se sono qui, devo ringraziare Dio e voi ", ha detto.

Neto ricorda i suoi giorni in Colombia che sono stati caratterizzati da molta sofferenza. "Ho anche detto a mia moglie che se fosse morto, sarei andato nelle braccia del Padre", ha detto il calciatore, affermando che il momento tragico vissuto gli ha insegnato "lezioni profonde".

"Dio mi ha riportato in vita per compiere una missione. Dopo tutto non siamo nulla senza di Lui. Quando si è in un letto d'ospedale, ci si rende conto che non siamo niente. Si può essere il più potente, con più successo, ma quando si è tra la vita e la morte, ci si chiede: “ che cosa ho fatto sulla terra? Sto facendo la volontà di Dio? Dove vado se lascio questo mondo "?

"Quando sono arrivato in ospedale ho detto a mia moglie che la nostra vita non ha senso se non abbiamo Dio, perché tutto è fugace. La vita scorre veloce," ha detto.

"Dopo il soggiorno in ospedale in Colombia, dove non potevo bere l'acqua perché ho trascorso dieci giorni intubato, non avevo la forza, non riuscivo a tenere il passo. Ma ho avuto nel mio cuore la certezza che Dio mi avrebbe messo di nuovo in grado di camminare, ma questa volta lo sarebbe stato per andare ad annunciare il Vangelo della salvezza e parlare di Gesù ", ha detto il giocatore.

 

                                                                                                               Tratto da fonti web

 

 

rif

 

"Ma voi, carissimi, non dimenticate quest'unica cosa: per il Signore un giorno è come mille anni, e mille anni sono come un giorno."

2Pietro 3:8

   modulo via

Perle di Saggezza

Non puoi impossessarti della salvezza per Grazia tramite qualsiasi mezzo che non sia la fede. Questo carbone ardente tolto dall'altare necessita delle molle d'oro della fede con cui portarlo."

                                                          Charles H. Spurgeon  

 

 

                                               calendario

                                                  Riflessioni dal Calendarietto

Rifletti con un'immagine