• logo_ pes 1
  • logo_ cag 1
  • logo_pes2
  • logo_ cag2
  • logo_pes3
  • logo_cag3
  • logo_pes4
  • logo_ cag4
  • logo_pes5
  • logo_cag5
  • logo_pes6
  • logo_cag6
  • logo_pes7
  • logo_cag7

Chiesa Cristiana Evangelica A.D.I. Pesaro e Cagli

L'ultimo volo

8011

 

A Dio sia la gloria! Ho ancora un vivo ricordo, nonostante i diversi anni che sono passati, di un anziano signore che ero solito incontrare al mercato del suo paese. Un signore distinto, alto, con gli occhiali e il suo bastone, visto ormai i suoi 80 e più anni. Dal carattere pacato e affabile, faceva veramente piacere farci una chiacchierata, e fu così che entrammo in amicizia. Ogni mercoledì  Angelo, questo era il suo nome, era solito venirmi a trovare al mercato, e mi raccontò che anche lui aveva fatto il commerciante avendo avuto, se non sbaglio, un negozio di stoffe. Ma quello che più mi dava piacere era ascoltare i suoi racconti, quando parlava del periodo risalente alla guerra e della mansione che svolgeva sotto le armi, e cioè meccanico di motori di aereo militari, come anche in più occasioni, mi raccontò di quante volte era uscito vivo sotto il fuoco nemico quando faceva anche il secondo pilota. Diventava molto riflessivo quando pensava di essere stato fortunato a non essere morto in più circostanze, a differenza di alcuni suoi commilitoni, con i colpi di mitragliatrice in volo che lo avevano raggiunto molto vicino, bucando più parti dell’aereo. Fu proprio qui, ricordo, che presi l’occasione per parlargli del Signore Gesù, dicendogli:-“Angelo hai ancora un “volo” da dover fare.. quello che ti darà la possibilità di ottenere la vita eterna nel Regno dei Cieli.” Angelo a quel punto mi guardò sorpreso…ed io gli ribadii:-“Sìì.. con le ali della fede e volando verso il Signore Gesù.” Da quel giorno in poi passarono ancora dei mesi dove puntualmente tutti i mercoledì della settimana Angelo mi veniva a cercare appositamente per parlare del Signore, e fu così che anche insieme a mio fratello in carne e in fede abbiamo potuto testimoniargli della salvezza gratuita in Cristo Gesù. Però aveva una difficoltà, ricordo che me ne parlò, non riusciva a capire come una volta che il corpo muore, la sua anima continua a vivere fino al giorno che sarebbe avvenuta la resurrezione. Fu a quel punto che il Signore mi mise davanti un esempio molto semplice ma che toccò profondamente il suo cuore; gli portai l’esempio di un palloncino gonfiato con l’elio, se avessi preso uno spillo e lo avrei bucato, il corpo del palloncino si sarebbe disfatto ma l’elio avrebbe continuato a propagarsi nell’aria. E fu così che comprese che se anche il suo corpo un giorno avrebbe cessato di vivere e si sarebbe spento non così sarebbe stato per la sua anima. Da quel giorno Angelo cambiò, fu un uomo diverso, la sua vita ora era stata illuminata dallo Spirito di Dio.  Non passarono molti giorni che Angelo si ammalò fino a morire. Le sue sorelle raccontano che Angelo una settimana prima di morire era un uomo completamente diverso, cambiato, ma non sapevano che Angelo era nato di nuovo e aveva accettato il Signore Gesù come suo personale Salvatore e Signore. Dio lo preparò per compiere l’ultimo volo, il più importante, il più bello di tutta la sua vita, verso il cielo con le ali della fede  ad incontrare il  Signore Gesù. A Dio sia la gloria!  

“..Quelli che sperano nel Signore acquistano nuove forze, si alzano in volo come aquile..” (Isaia 41:31)

 

                                                                                                                                                                                                                                                                                                             O.E 

rif

 

"Benedetto sia il Dio e Padre del nostro Signore Gesú Cristo, che nella sua grande misericordia ci ha fatti rinascere a una speranza viva mediante la risurrezione di Gesú Cristo dai morti, per una eredità incorruttibile, senza macchia e inalterabile. Essa è conservata in cielo per voi, che dalla potenza di Dio siete custoditi mediante la fede, per la salvezza che sta per essere rivelata negli ultimi tempi. Perciò voi esultate anche se ora, per breve tempo, è necessario che siate afflitti da svariate prove, affinché la vostra fede, che viene messa alla prova, che è ben piú preziosa dell'oro che perisce, e tuttavia è provato con il fuoco, sia motivo di lode, di gloria e di onore al momento della manifestazione di Gesú Cristo. Benché non l'abbiate visto, voi lo amate; credendo in lui, benché ora non lo vediate, voi esultate di gioia ineffabile e gloriosa, ottenendo il fine della fede: la salvezza delle anime."

1Pietro 1:3-9

   modulo via

Perle di Saggezza

Chi si abitua alla fede ci crede, e non può più non temere l'inferno, e non teme altra cosa."

                                                          Blaise Pascal  

 

 

                                               calendario

                                                  Riflessioni dal Calendarietto

Rifletti con un'immagine